Herzlich willkommen

Sie erhalten eine Übersicht unserer Drucksachen.
Klicken Sie die gewünschte Broschüre, Flyer oder Dokumentation an.

Aufrufe
vor 3 Jahren

Guida alla Psichiatria

  • Text
  • Clinica
  • Pazienti
  • Pdgr
  • Spesso
  • Disturbi
  • Servizio
  • Cura
  • Terapie
  • Centro
  • Aiuto
  • Guida
  • Psichiatria

27 luglio 2011 «BABY

27 luglio 2011 «BABY BLUES»? NIENTE PANICO Ogni madre gioisce della nascita del proprio bambino. Ma a volte invece della gioia compare una tristezza inspiegabile, un profondo dolore interiore. E giorni di pianto al posto di giorni di gioia. In queste situazioni c’è bisogno di un aiuto specialistico, come quello offerto dal Servizio psichiatrico dei Grigioni (PDGR). Una depressione cambia i sentimenti, anche quelli nei confronti dei propri figli. Dopo una terapia le mamme ritrovano la gioia per i propri bambini. Marianne* (il nome è stato cambiato) è raggiante quando, dopo sette settimane di degenza nella sezione «Mamma e figlio» del reparto Salvorta della clinica Beverin a Cazis, prepara la sua piccola valigia. È felice di aver potuto vivere qui con il suo bebè e di aver ricevuto aiuto psichiatrico. Prima di arrivare a Cazis aveva pianto per giorni, dopo era irritata, suscettibile, piagnucolosa, sfinita, insonne, e soprattutto non riusciva più a essere felice del proprio bebè – senza un motivo oggettivo. Cosa è accaduto? Settimane dopo la nascita del bambino il cosiddetto «baby blues», manifestatosi con alcuni giorni di pianto, ha generato una vera e propria depressione puerperale (o post-partum). «Questo», dice Lyubka Caveziel, caporeparto nel reparto Salvorta della clinica Beverin, «può succedere a qualunque donna in salute, spesso 36

soltanto settimane o mesi dopo la nascita. Le cause possono essere lo sbalzo ormonale, il sovraccarico fisico o anche semplicemente un’eccessiva pretesa nei propri confronti nella situazione che si sta vivendo.» Esiste però anche la possibilità che siano cause di carattere fisico (per es. ipo- o ipertiroidismo, anemia, carenza vitaminica) a condurre a una depressione puerperale o a una psicosi. DAL «BABY BLUES» ALLA PSICOSI PUERPERALE «Un ‹baby blues›, la forma leggera di depressione puerperale, spesso non viene riconosciuto subito.» Per questo motivo è importante che la mamma parli delle proprie sensazioni con il partner, con la famiglia, il ginecologo o con il medico di famiglia. Una diagnosi precoce può evitare eventualmente un ricovero in clinica. Di regola nella sezione «mamma e bimbo» del reparto Salvorta, un servizio del PDGR nella sede di Cazis, vengono curati tanto i casi più gravi quanto la psicosi puerperale, che è un po’ più rara. Quest’ultima causa vaneggiamenti e allucinazioni e deve essere curata in modo intensivo sotto l’aspetto psichiatrico. In tutte le forme di depressione puerperale le pazienti vengono stabilizzate da parte medica dapprima con i farmaci. Rientrano nella cura anche accertamenti, colloqui singoli e di gruppo, terapie individuali. «Sia durante le terapie che su richiesta, prendiamo in consegna i bambini per qualche ora. In questo spazio di tempo le mamme possono così partecipare a colloqui e terapie, possono leggere o passeggiare, insomma, fare cose che fanno loro bene», spiega Mirco Streiff, direttore del reparto Salvorta. Una consulente «Mamma e figlio» assiste e accompagna le madri, prestando anche attenzione a che il bebè sia ben accudito.» BUONI RISULTATI DI GUARIGIONE «Una depressione puerperale si può curare bene», assicura Lyubka Caveziel. Spesso una depressione si manifesta solo una volta. «Nessuna madre deve temere di avere una nuova depressione con il secondo figlio. Inoltre si può agire preventivamente, cercando aiuto medico già in presenza dei La dottoressa Lyubka Coviezel, caporeparto, e Mirco Streiff, direttore di reparto: «Le depressioni puerperali sono ben curabili.» CENTRO D’ASSISTENZA PDGR Il Servizio psichatrico dei Grigioni (PDGR) offre cure per le depressioni post-partum nella clinica Beverin, a Cazis («Mamma e figlio» reparto Salvorta). Informazioni: tel. 058 225 35 35, www.pdgr.ch L’assegnazione può avvenire tramite il medico di famiglia e il ginecologo o, nei casi d’emergenza, anche direttamente attraverso il reparto. Oltre alle terapie, alle mamme e ai papà si consiglia anche di frequentare i gruppi per genitori, nei quali si può parlare dei propri problemi personali e scambiarsi opinioni ed esperienze. primi sintomi.» La degenza in clinica per la cura di una depressione post-partum ha una durata diversa a seconda della gravità. Alcune mamme restano soltanto un mese, altre tre, quattro mesi. Alla degenza in clinica segue un’assistenza in day-hospital. «Molte mamme si vergognano di non riuscire a gioire del proprio bebè e pensano di essere cattive madri. Ma non è affatto così. Perché una buona madre può riconoscere che sta male e ha bisogno di aiuto», dicono Lyubka Caviezel e Mirco Streiff. È fondamentale che le mamme colpite dalla depressione vengano curate molto velocemente, affinchè il rapporto con il bebè si costruisca nel modo giusto e che il bimbo non soffra del fardello di carattere psichico della mamma. Quando le mamme già durante la terapia ritrovano se stesse, rifioriscono e provano di nuovo gioia per i loro bebè noi riceviamo il regalo più bello…» 37

Behandlungspartner

Manual Zusammenarbeit Behandlungspartner und PDGR
Ansprechpartner Psychiatrische Dienste Graubünden

ARBES

ARBES: Produkte und Dienstleistungen
ARBES - Textilwerkstätten
ARBES - Steinbearbeitung
ARBES - Schreinerei
ARBES - Floristik
ARBES - Gärtnereien
ARBES - die geschützte Werkstätte der Psychiatrischen Dienste Graubünden

Angebote

Tagesangebot 55Plus
Ambulanter Psychiatrischer Dienst
Allgemeinpsychiatrische Tageskliniken
Memory-Klinik / Demenzabklärung
Psychiatrische Spitex-Leistungen
Gerontopsychiatrische Tageskliniken
Schmerzklinik
Psychotherapiestation der zweiten Lebenshälfte
Rehabilitationspsychiatrie
Ambulatorium Neumühle
Tinnitusklinik
Suchtzentrum Danis Therapie
Suchtzentrum Danis Entzug
Psychotherapiestation
Psychotherapeutische Tagesklinik
Privatklinik MENTALVA - Körper & Geist im Gleichgewicht
Kinder psychisch erkrankter Eltern
Gerontopsychiatrie
Forensisch-psychiatrische Stationen
Betreuung von Mutter und Kind
Akutpsychiatrie
Wohnheim Montalin Chur
Wohnheim Rothenbrunnen
Gruppo Abitativo Rovel
Aussenwohngruppen Rothenbrunnen
Aussenwohngruppen Montalin
Heimzentrum Arche Nova
Patientenwegweiser
Pflegende Angehörige in Graubünden
Ratgeberserie Psychiatrie
VASK - Wir Angehörigen
Informationen für Angehörige

Vorstellung Unternehmen

Jahresbericht 2012
Jahresbericht 2013
Jahresbericht 2014
Jahresbericht 2015
Portrait
Vorstellung ARBES
Südostschweiz Sonderbeilage – 125 Jahre Klinik Waldhaus Chur

Freizeit / Medien

Minigolf Beverin
Sonderbeilage zum 10 Jahr Jubiläum der PDGR


Wünschen Sie gedruckte Exemplare?

Teilen Sie uns den entsprechenden Titel, die gewünschte Anzahl und Ihre Postanschrift unter info@pdgr.ch mit.

Psychiatrische Dienste Graubünden
Loëstrasse 220
7000 Chur
Tel. +41 58 225 25 25
Fax +41 58 225 25 26

info@pdgr.ch