Herzlich willkommen

Sie erhalten eine Übersicht unserer Drucksachen.
Klicken Sie die gewünschte Broschüre, Flyer oder Dokumentation an.

Aufrufe
vor 3 Jahren

Guida alla Psichiatria

  • Text
  • Clinica
  • Pazienti
  • Pdgr
  • Spesso
  • Disturbi
  • Servizio
  • Cura
  • Terapie
  • Centro
  • Aiuto
  • Guida
  • Psichiatria

19 settembre 2012 LA

19 settembre 2012 LA SINDROME ADHD: «QUANDO IL BAMBINO TROPPO VIVACE DIVENTA ADULTO» Quasi tutti conoscono l’ADHD. E il Metilfenidato. Questo farmaco viene in parte impiegato per curare la sindrome da deficit d’attenzione e iperattività nei bambini e negli adulti. Al Servizio psichiatrico dei Grigioni si utilizza un approccio terapeutico di tipo globale. L’ADHD può essere curata bene. Molti ricordano il libro per bambini Gian Burrasca con il bambino irrequieto che non stava mai fermo sulla sedia. Ma perché un bambino si agita continuamente, perché è così iperattivo, prende così tante sviste e si fa distrarre tanto facilmente? E per quale motivo i bambini da adulti hanno ancora gli stessi problemi? Birgit Reimann Meisser è laureata in psicologia ed è direttrice terapeutica presso il Centro dipendenze Danis del Servizio psichiatrico dei Grigioni (PDGR) nella clinica di Cazis. Lei conosce i sintomi, gli effetti e le possibilità di cura per il deficit d’attenzione e iperattività, conosciuto con la sigla ADHD. 64

CENTRO D’ASSISTENZA PDGR Il Servizio psichiatrico dei Grigioni (PDGR) offre con il servizio psichiatrico ambulante un sostegno efficace. Informazioni: tel. 058 225 25 25, ww.pdgr.ch Birgit Reimann Meisser, laureata in psicologia, è direttrice terapeutica del Centro dipendenze Danis del PDGR, a Cazis. L’ADHD non si normalizza con la crescita «Il disturbo si manifesta per la prima volta sempre in età infantile. Oggi sappiamo che l’ADHD non si normalizza con la crescita. Per questo motivo oggi anche così tanti adulti devono ancora lottare con gli stessi sintomi. In molti casi il disturbo non è stato diagnosticato durante l’infanzia e quindi non è stato curato. Spesso la diagnosi arriva solo in età adulta, quando le ripercussioni sul lavoro sono diventate troppo grosse o sorgono malattie collegate», dice Birgit Reimann Meisser. La ricerca presume che l’ADHD abbia cause genetiche, dunque ereditarie. «I ricercatori constatano che chi soffre di questa sindrome presenta un’organizzazione cerebrale particolare»: con queste parole la psicologa cerca di spiegare il fenomeno in maniera semplificata. Da questa particolare disposizione derivano agitazione interiore, tensioni, problemi di attenzione e di concentrazione così come iperattività. In psichiatria si usano tre definizioni: il puro e semplice disturbo di attenzione, l’iperattività e la combinazione di entrambi. Il travaglio interiore è grande «Il travaglio interiore di chi soffre di ADHD è, spesso, molto grande. I malati non possono opporsi in nessun modo alla pressione interiore, sono disperati, a volte non sono nemmeno in grado di parlare del problema. Alcuni allora cercano sollievo nell’alcol o nelle droghe.» Se il disturbo non viene curato chi ne è afflitto può anche diventare depressivo. Altri subiscono un burn-out. «Per questo la diagnosi corretta e la terapia che segue sono estremamente importanti», dice la psicologa. La diagnosi è il risultato di colloqui, test e anche della misurazione dei flussi cerebrali attraverso l’elettroencefalogramma quantitativo. La cura prevede l’utilizzo sia di medicinali che servono a riportare in equilibrio il metabolismo cerebrale sia di terapie individuali come psicoterapia, neuroterapia, training, coaching. «L’aiuto che oggi possiamo offrire è buono. Così nessuno è più completamente abbandonato alle proprie predisposizioni interiori.» La durata della cura per l’ADHD è diversa. A volte è sufficiente una terapia breve. «In virtù delle conoscenze di cui disponiamo oggi consideriamo l’ADHD più come una particolarità che come una malattia. Alcuni sintomi, come per esempio l’iperattività, non sono semplicemente e soltanto negativi. Molte persone che soffrono di ADHD sono in grado di fare più cose contemporaneamente, e questo è più o meno il sogno di tutti noi…»: così Birgit Reimann Meisser relativizza gli effetti dell’A- DHD. Una cura è pertanto molto importante, anche per raggiungere una migliore qualità della vita. Una vera e propria guarigione, infatti, non c’è, ma le persone colpite da ADHD imparano a rapportarsi con le proprie debolezze e ad aumentare i propri punti di forza. 65

Behandlungspartner

Manual Zusammenarbeit Behandlungspartner und PDGR
Ansprechpartner Psychiatrische Dienste Graubünden

ARBES

ARBES: Produkte und Dienstleistungen
ARBES - Textilwerkstätten
ARBES - Steinbearbeitung
ARBES - Schreinerei
ARBES - Floristik
ARBES - Gärtnereien
ARBES - die geschützte Werkstätte der Psychiatrischen Dienste Graubünden

Angebote

Tagesangebot 55Plus
Ambulanter Psychiatrischer Dienst
Allgemeinpsychiatrische Tageskliniken
Memory-Klinik / Demenzabklärung
Psychiatrische Spitex-Leistungen
Gerontopsychiatrische Tageskliniken
Schmerzklinik
Psychotherapiestation der zweiten Lebenshälfte
Rehabilitationspsychiatrie
Ambulatorium Neumühle
Tinnitusklinik
Suchtzentrum Danis Therapie
Suchtzentrum Danis Entzug
Psychotherapiestation
Psychotherapeutische Tagesklinik
Privatklinik MENTALVA - Körper & Geist im Gleichgewicht
Kinder psychisch erkrankter Eltern
Gerontopsychiatrie
Forensisch-psychiatrische Stationen
Betreuung von Mutter und Kind
Akutpsychiatrie
Wohnheim Montalin Chur
Wohnheim Rothenbrunnen
Gruppo Abitativo Rovel
Aussenwohngruppen Rothenbrunnen
Aussenwohngruppen Montalin
Heimzentrum Arche Nova
Patientenwegweiser
Pflegende Angehörige in Graubünden
Ratgeberserie Psychiatrie
VASK - Wir Angehörigen
Informationen für Angehörige

Vorstellung Unternehmen

Jahresbericht 2012
Jahresbericht 2013
Jahresbericht 2014
Jahresbericht 2015
Portrait
Vorstellung ARBES
Südostschweiz Sonderbeilage – 125 Jahre Klinik Waldhaus Chur

Freizeit / Medien

Minigolf Beverin
Sonderbeilage zum 10 Jahr Jubiläum der PDGR


Wünschen Sie gedruckte Exemplare?

Teilen Sie uns den entsprechenden Titel, die gewünschte Anzahl und Ihre Postanschrift unter info@pdgr.ch mit.

Psychiatrische Dienste Graubünden
Loëstrasse 220
7000 Chur
Tel. +41 58 225 25 25
Fax +41 58 225 25 26

info@pdgr.ch